Iniziamo a fare trading?

Iniziare è facile e veloce. Con la nostra semplice procedura di apertura conto, bastano pochi minuti.

Principiante

Altri strumenti di trading

Offriamo una vasta gamma di prodotti energetici, soft commodity e metalli preziosi, ognuno con diversi requisiti di negoziazione e di margine, spread e dimensioni del contratto. Anche gli orari delle sessioni sono diversi ed è quindi importante comprenderli quando si inizia a fare trading sulle materie prime.

Le materie prime sono le fondamenta dell'economia globale. Sono i materiali grezzi per la produzione di milioni di prodotti in tutto il mondo. Il mercato delle materie prime e la loro catena logistica creano un mercato molto attivo che offre moltissime opportunità ai trader.

Diamo un'occhiata al ruolo delle materie prime a come si possono scambiare.

La materia prima costituisce il materiale grezzo o il prodotto primario liberamente acquistato e venduto; utilizziamo la parola anche per indicare che qualcosa sia subito disponibile e privo di un marchio.

Effetti del dollaro americano

Il dollaro americano è la valuta mondiale di riserva nonché quella della principale economia. Di conseguenza, la maggior parte delle materie prime è valutata e scambiata in dollari americani. In base ai dati storici, un dollaro forte può causare una svalutazione delle materie prima, così come un dollaro più debole causa spesso un rialzo dei loro prezzi. È possibile vedere questa correlazione nel seguente grafico, che traccia il valore del dollaro americano ponderato sugli scambi o indice del dollaro a paragone con l'indice CRB, che tiene traccia di un paniere di materie prime di ampio utilizzo.

Dollaro americano ponderato sugli scambi o indice del dollaro a paragone con l'indice CRB

Laddove il dollaro (linea verde) ha causato un aumento nel prezzo del paniere di materie prime (linea blu), il suo valore è diminuito.

Altri fattori chiave dei prezzi delle materie prime.

Mercati emergenti

Molti dei più ampi depositi o aree di crescita delle materie prime si trovano nei mercati in via di sviluppo o emergenti. Paesi come Brasile, Cile, Nigeria, Sudafrica e Arabia Saudita sono tutti esempi di regioni che svolgono un ruolo importante nella loro offerta. Il prezzo e il livello della domanda per le loro materie prime influenza in modo diretto l'andamento delle economie locali e le loro valute.

Scorte e domanda

L'equilibrio tra scorte e domanda è il fattore più influente dei prezzi delle materie prime. Quando le scorte sono abbondanti e in crescita, i prezzi scenderanno naturalmente, fino a quando non attrarranno nuova domanda all'interno del mercato. Quando la domanda è alta e non può essere soddisfatta dalle scorte esistenti, i prezzi delle materie prime aumenteranno fino a che le nuove scorte non saranno immesse sul mercato. A differenza dei prodotti finanziari, le nuove scorte di materie prime potrebbero non essere subito disponibili e il periodo tra la produzione e la trasmissione può durare diversi mesi. Ciò significa che i prezzi delle materie prime subiranno periodicamente ampie variazioni.

Arresto della produzione

Molte materie prime subiscono un processo di estrazione che dipende da un grande impiego di forza lavoro. Le società di estrazione cercano di contenere il più possibile le proprie spese e uno dei modi in cui lo fanno è pagando stipendi bassi. Datori di lavoro e sindacati non sempre sono d'accordo e tale dissenso può portare ad agitazioni, scioperi e arresti nella produzione. I prezzi dei metalli come il rame, il platino e il palladio sono tutti sensibili verso questi ultimi fattori e verso le possibili interruzioni nelle scorte.

Stagionalità

Le materie prime agricole sono spesso soggette alla stagionalità. Le colture vengono coltivate e raccolte secondo uno specifico ciclo; ci saranno, perciò, periodi dell'anno in cui saranno in surplus e altri in cui saranno abbastanza scarsi. Tuttavia, ci sono fattori stagionali anche nelle materie prime non agricole, come l'oro, che vede un aumento della domanda dagli acquirenti in India e in Cina durante festività importanti e nella stagione dei matrimoni.

Clima

La stagionalità ha un legame molto stretto con il clima per quanto riguarda l'influenza sui prezzi delle materie prime. Tali effetti sono di solito legati ad alimenti e materie prime agricole. Per esempio, se si verifica una gelata in Florida, ciò potrebbe ridurre la dimensione del raccolto di arance e aumentare il prezzo del succo d'arancia. Siccità, venti forti, piovosità eccessiva, inondazioni e pestilenze possono danneggiare coltivazioni o raccolti, limitando le scorte e facendo rialzare i prezzi. Le condizioni meteorologiche possono anche avere effetti positivi che portano a raccolti eccezionali, e un eccesso di scorte per una materia prima può quindi far scendere i prezzi, in quanto gli acquirenti non sono incentivati a pagare per quel prodotto.

Eccesso di domanda

Di quando in quando, la domanda effettiva o prevista per una particolare materia prima può velocemente eccedere rispetto alle scorte disponibili. Per esempio, i prezzi del gas naturale americano possono impennarsi con l'abbassamento delle temperature o se è prevista una loro diminuzione al di sotto delle medie stagionali degli Stati Uniti. Se ciò accade, le società energetiche si spostano sulle scorte sicure di gas, ritrovandosi in competizione con i loro rivali, altri trader e speculatori, attratti dal mercato per via dello slancio rialzista dei prezzi. Ciò può far schizzare i prezzi ancora più in alto.

Un evento simile si è verificato nel novembre 2018, come indicato dal grafico sul gas naturale qui sotto. L'impennata è durata relativamente poco e si stava estinguendo già a inizio dicembre.

Quotazione giornaliera di gas naturale nel primo mese sulla NYME

Tuttavia, in questo caso, l'azione dei prezzi mostra che persino in un mercato liquido come quello del gas naturale, un'interruzione nelle scorte o la previsione di una domanda fuori scala può influenzare i prezzi delle materie prime. I mercati energetici sono collegati anche alla geopolitica, come nel caso delle sanzioni degli Stati Uniti nei confronti di Iran e Russia, che puntano alla loro capacità di esportare petrolio e altri beni, mentre organismi per la promozione del commercio come l'OPEC tentano spesso di limitare la produzione a livelli predefiniti.

Grandi economie

Durante gli ultimi trent'anni, le economie mondiali sono diventate globalizzate. Numerose economie industrializzate si sono orientate verso i servizi e si sono allontanate dall'industria manifatturiera, gran parte della quale è stata spostata in Asia, verso siti a basso costo. A beneficiare di questo trend globale è stata soprattutto la Cina, che è diventata la maggior importatrice di materie prime del mondo. I trend dell'economia cinese hanno un'influenza sempre maggiore sui prezzi delle materie prime.

Secondo i dati dell'Harvard Atlas of Economic Complexity, nel 2016 la Cina ha importato 49,3 miliardi di dollari in minerali ferrosi, 19,7 miliardi di dollari in rame grezzo e 109 miliardi di dollari in petrolio greggio e prodotti del petrolio. Questi sono solo tre esempi che mostrano la portata della domanda di materie prime dell'economia cinese.

La portata della domanda di materie prime nell'economia cinese.

Le previsioni di crescita per la Cina, e per la sua economia, hanno un'influenza diretta sulle prospettive dei prezzi di molte materie prime. Nel momento in cui scriviamo, tali previsioni sono in discesa, come si può vedere dal grafico sopra, che rappresenta la crescita del PIL cinese.

Cosa devi sapere prima di fare trading sulle materie prime

Fare trading con successo sulle materie prime, significa imparare a capire i mercati sottostanti, scoprire chi sono i grandi produttori e chi i grandi consumatori di una materia prima specifica, nonché comprendere in che modo tali materie prime arrivano da A a B.

Vale anche la pena di capire in quali prodotti le materie prime sottostanti vengono usate, per esempio, il rame associato con le costruzioni e l'elettronica, lo zucchero con la produzione dolciaria e alimentare.

Non dimentichiamoci che le materie prime tendono ad avere un certo andamento. Quando tale andamento si interrompe, i prezzi delle materie prime possono subire brusche inversioni. È importante stare in guardia riguardo a ogni azione di prezzo e flusso di notizie che suggerisca un cambiamento in arrivo e avere giudizio nell'uso di stop-loss e nella gestione del denaro.

Come fare trading sull'oro

L'oro non è solo una materia prima: è una riserva di ricchezza e una forma stessa di denaro. L'oro è raro e il suo valore è riconosciuto a livello mondiale. È la sua rarità e il suo valore globale che gli investitori acquistano in tempi di crisi economica e politica, oppure quando vedono minacciato il valore della moneta cartacea da parte dell'inflazione o della stampa di valuta.

Non sono solo i trader individuali e gli investitori che possiedono oro. Molte delle banche centrali in tutto il mondo detengono migliaia di tonnellate di questo metallo. Le banche centrali utilizzano l'oro come riserva di valore e come forma di denaro per diversificare le loro riserve strategiche, al riparo dalle valute internazionali, in quanto l'oro è visto spesso come non correlato a molte altre classi di asset.

L'oro viene estratto dalla terra e scambiato come materia prima. Come molte materie prime, viene valutato in dollari americani e, data la sua scarsità, viene scambiato in ciò che viene chiamato oncia troy, l'equivalente di 31,21 grammi. Un chilo d'oro equivale a poco più di 32 once troy.

Sono diversi i fattori che influenzano il prezzo dell'oro, tra questi troviamo:

  • Il dollaro americano. Storicamente, un dollaro americano forte ha deprezzato l'oro così come un dollaro debole ha spesso comportato un aumento del prezzo del metallo.
  • Fattori economici, politici e finanziari. Al di là del suo legame con il dollaro americano, il prezzo dell'oro è influenzato da crisi economiche e politiche, depressioni, guerre e tensioni commerciali, così come dai livelli e dai trend dell'inflazione mondiale.
  • Prospettive di volatilità. Come regola generale, più volatili sono le prospettive geopolitiche o economiche, più potrebbe aumentare il prezzo dell'oro. Quando i mercati sono calmi, l'andamento delle economie principali è buono e ci sono poche tensioni internazionali, il prezzo dell'oro tenderà quindi a scendere.
  • Scorte e domanda. I prezzi dell'oro sono anche influenzati da scorte e domanda. Le scorte sono limitate e la domanda spesso fluttua intorno all'acquisto di oro come regalo da parte di India e Cina durante le festività e la stagione dei matrimoni.
  • Produzione. Anche scioperi e gli arresti della produzione, in paesi come l'Australia e il Sudafrica, possono portare in rialzo i prezzi dell'oro.
  • Domanda industriale. L'oro ha molteplici usi anche a livello industriale, spesso nell'elettronica hi-tech e nella medicina.

Il prezzo dell'oro dipende da un'ampia varietà di fattori, molti dei quali indipendenti l'uno dall'altro; pertanto, tale prezzo è difficilmente stabile, il che lo rende quindi uno strumento ideale per i trader. Pensi di aggiungere l'oro al tuo portafoglio di trading? Scopri di più.

Cominciamo a fare trading?

Iniziare è facile e veloce, anche con un piccolo deposito. Con la nostra semplice procedura di candidatura, bastano pochi minuti.

Per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito Web, utilizziamo i cookie. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Supporto