I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

Crude

Il greggio si muove lateralmente mentre l'attenzione rimane sul Medio Oriente

Pepperstone
Market Analyst
16 gen 2024
Con le crescenti tensioni geopolitiche in Medio Oriente, tra il conflitto in corso tra Israele e Gaza e i crescenti attacchi degli Houthi alle navi nel Mar Rosso, il greggio è tornato ad essere al centro dell'attenzione dei trader, in quanto gli operatori di mercato continuano a monitorare da vicino i segnali di aumento del rischio di approvvigionamento, oltre ai potenziali segnali di un'ulteriore escalation delle tensioni nel breve termine.

Tuttavia, l'aspetto forse più interessante è la mancanza di grande volatilità che ha caratterizzato il Brent e il WTI nelle ultime settimane. Come mostra il grafico sottostante, dall'inizio di dicembre il WTI si è stabilizzato in una fascia relativamente stretta tra i 70 e i 75 dollari al barile, dopo aver più che cancellato il breve rialzo indotto dai timori per l'offerta all'inizio del conflitto tra Israele e Gaza, con pochissime incursioni al di fuori di queste soglie.

Preview

A questo punto è importante notare che il mercato petrolifero è notoriamente incapace di valutare il rischio legato all'interruzione dell'offerta, tendendo a reagire in modo eccessivo nel momento in cui scoppia un potenziale focolaio geopolitico, prima che il rialzo venga spesso annullato, e non solo. Naturalmente, si applicano le solite avvertenze sul fatto che le performance passate non sono un indicatore affidabile del futuro.

Vale anche la pena di notare che, in particolare nell'attuale situazione di tensione in Medio Oriente, i rischi attuali sono in gran parte sul lato "sbagliato" della regione per avere un impatto significativo sull'offerta di greggio. Il Levante, in primo luogo, non è un grande produttore di petrolio o di gas, quindi è improbabile che gli sviluppi relativi al solo conflitto tra Israele e Gaza abbiano un impatto significativo sui prezzi. Inoltre, gli attacchi Houthi in corso contro il trasporto marittimo si concentrano principalmente sul Mar Rosso, in particolare sullo stretto di Bab al-Mandab, e sembrano colpire soprattutto le navi portarinfuse, piuttosto che le petroliere.

Preview

Tuttavia, sembrano emergere alcuni timidi segnali che potrebbero indicare che questa dinamica stia iniziando a cambiare. Ad esempio, la scorsa settimana la Marina iraniana ha sequestrato una petroliera che trasportava greggio iracheno al largo delle coste dell'Oman, nello stretto di Hormuz. Anche se nel frattempo è emerso che il sequestro è legato a una lunga disputa tra Stati Uniti e Iran che risale all'anno scorso, ha comunque fatto salire ulteriormente le tensioni, questa volta dall'altra parte del Medio Oriente.

Per i commercianti di greggio, quest'ultimo sviluppo è probabilmente molto più preoccupante, dato che lo Stretto di Hormuz è il più importante punto di strozzatura per il transito del petrolio al mondo, in quanto attraverso le sue acque passano circa 21 milioni di bpd, pari a oltre il 20% dell'offerta globale. È quindi logico aspettarsi che ulteriori incidenti di questo tipo in quest'area rappresentino un rischio di rialzo molto maggiore per i prezzi.

In ogni caso, sembra che al momento il motore principale del mercato petrolifero sia la domanda e non l'offerta.

A questo proposito, i dati in arrivo sembrano dare poche speranze ai rialzisti, con i PMI manifatturieri dei mercati sviluppati che a dicembre sono rimasti sostanzialmente al di sotto della soglia di 50,0; le recenti indagini manifatturiere regionali negli Stati Uniti indicano pochi segnali di miglioramento, compreso l'indice della Fed di New York che è sceso al livello più basso dai tempi della pandemia; infine, ma non per questo meno importante, l'economia cinese continua a faticare, con i segni di una ripresa economica sostenuta che rimangono incredibilmente scarsi, nonostante gli stimoli governativi sempre più massicci che vengono lanciati sul problema.

Preview

La bilancia del rischio, quindi, in questo momento, da un punto di vista fondamentale, sembra puntare al ribasso. Anche il quadro tecnico si allinea a questa visione, con i prezzi che per due giorni consecutivi non sono riusciti a chiudere al di sopra della media mobile a 50 giorni, il che implica che i ribassisti abbiano attualmente il sopravvento.

Preview

Tuttavia, come sempre accade con gli eventi geopolitici, è importante ricordare che la situazione rimane fluida, volatile e in rapido movimento. Di conseguenza, è necessario rimanere agili quando si fa trading sugli asset colpiti da tali eventi, e una visione fissa - in entrambe le direzioni - difficilmente potrà essere utile ai partecipanti al mercato, finché le tensioni non si placheranno e non tornerà un certo grado di stabilità geopolitica.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.