I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

USD

Compra dollari, indossa diamanti?

Pepperstone
Market Analyst
25 set 2023
Il dollaro ha raggiunto nuovi massimi del ciclo all'inizio della settimana, con il DXY che ha superato il picco di 105,90 toccato a marzo e si è spinto al di sopra della soglia psicologicamente chiave di 106. Come recita il vecchio detto, i trader "comprano dollari e indossano diamanti". Tuttavia, dopo dieci settimane di guadagni consecutivi, il dollaro ha ancora un po' di forza nel serbatoio o i ribassisti stanno per prendere il controllo?

Al momento, la bilancia dei rischi favorisce fortemente la prima ipotesi, con entrambi i lati del cosiddetto "sorriso del dollaro" che continuano a lavorare a favore del dollaro.

Da un lato, c'è il tema costante della sovraperformance economica degli Stati Uniti, o dell'eccezionalismo, che stimola la domanda. In una serie di dati, gli Stati Uniti stanno superando di gran lunga i loro omologhi del G10, registrando una disinflazione più rapida, una crescita più forte e un mercato del lavoro significativamente più resistente. Sebbene sia chiaro che il ciclo è in fase avanzata, si cominciano a vedere alcune crepe negli Stati Uniti, come altrove, con il Regno Unito che si avvicina sempre di più al precipizio dei mutui; l'eurozona che si sta piegando sotto il peso di un tasso di deposito della BCE da record, con la Germania che ora è il "malato d'Europa"; la Cina che non è riuscita a sperimentare alcuna forma di ripresa economica sostenibile dopo la pandemia e, infine, il Giappone che sta ancora lottando per raggiungere il suo obiettivo di inflazione accompagnato da una forte crescita degli utili.

Per il mercato dei cambi, tutto ciò ha permesso alla FOMC di inasprire la politica monetaria in misura maggiore rispetto alla maggior parte dei paesi del G10 e, cosa ancora più importante, probabilmente permetterà alla FOMC di rimanere in territorio restrittivo più a lungo rispetto alle altre banche centrali del G10. Il recente "dot plot", che prevede solo 50 pb di tagli l'anno prossimo (la metà di quanto previsto a giugno), ha visto il mercato retrocedere il prezzo del primo taglio al prossimo settembre e ha portato i Treasury a nuovi massimi pluriennali su tutta la curva, che ha subito un'impennata.

Preview

Dopo aver affrontato il lato dell'eccezionalità, che sembra duraturo, dobbiamo passare all'altro lato del sorriso del dollaro, ovvero l'avversione al rischio su larga scala.

Soprattutto a causa della posizione più restrittiva del previsto del FOMC e del conseguente aumento dei rendimenti del Tesoro, la propensione al rischio ha sofferto in modo significativo. L'S&P 500, ad esempio, ha perso circa il 6% nell'ultimo trimestre e ha sfondato la media mobile a 100 giorni per la prima volta da marzo, mentre altri indici di rischio come AUD/JPY e AUD/CHF sono stati messi sotto pressione negli ultimi tempi. In tempi come questi, in cui il rendimento del capitale ha la precedenza sul rendimento sul capitale, il biglietto verde ha una forte tendenza storica a sovraperformare.

Preview

Il lato tecnico dell'equazione supporta questa visione fondamentale.

Come già osservato, il DXY fa trading a ridosso del precedente massimo storico a 105,90 e ha anche brevemente superato la soglia di 106. I tori sembrano decisamente in controllo della situazione e, sebbene la visione possa essere popolare, il posizionamento non mostra segni di eccessivo affollamento. I rialzisti sembrano decisamente in controllo della situazione e, sebbene la visione possa essere popolare, il posizionamento non mostra segni di eccessivo affollamento, con gli USD long ampiamente in linea con la media a 5 anni, che probabilmente pongono pochi ostacoli a ulteriori guadagni.

Di conseguenza, i rialzisti sembrano destinati a mantenere il sopravvento, puntando probabilmente a un movimento verso il 50% di ritracciamento del declino registrato tra la fine del 22 e l'inizio del 23, intorno a 107,20. Una rottura al di sotto della linea di tendenza ascendente in vigore da metà luglio, a 104,90, metterebbe in pericolo questa prospettiva.

Preview

È importante notare che i guadagni del biglietto verde potrebbero non essere percepiti allo stesso modo in tutto il G10. Quelli che sperimentano le dinamiche di crescita più deboli - vale a dire GBP, EUR e CHF - vedranno probabilmente i cali più significativi, mentre gli antipodi (ad esempio AUD e NZD) potrebbero essere più isolati, soprattutto se è stato raggiunto il "picco di pessimismo" per quanto riguarda il sentimento verso la Cina. Un movimento verso la metà dei 107 anni del DXY equivarrebbe, grosso modo, a EUR/USD a 1,0400 e GBP/USD a 1,2000, livelli che sembrano ragionevoli nel medio termine.

Il materiale qui fornito non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e pertanto è considerato una comunicazione di marketing. Anche se non è soggetto a divieti di trattativa prima della diffusione della ricerca sugli investimenti, non cercheremo di trarne vantaggio prima di fornirlo ai nostri clienti.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e pertanto non dovrebbe essere considerato tale. Le informazioni, sia da terze parti o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto finanziario o strumento, o per partecipare a una particolare strategia di trading. Non tiene conto della situazione finanziaria o degli obiettivi di investimento dei lettori. Consigliamo a tutti i lettori di questo contenuto di cercare il proprio parere. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.