I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 76,6% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

GBP

Il trader sulla sterlina - Il G10 FX si sta comportando bene, ma per quanto tempo?

Chris Weston
Head of Research
4 ott 2022

La politica britannica è sempre uno spettacolo interessante, soprattutto quando si ha il lusso di guardare dall'altra parte del mondo e dove le scelte politiche non ci riguardano direttamente. È chiaro che la disconnessione tra il governo Truss e i mercati dei capitali è stata messa brutalmente a nudo, provocando un esodo di asset britannici e richiedendo un intervento pesante da parte della BoE in risposta.

La sterlina è stata il manifesto della volatilità, con la volatilità implicita a 1 settimana di GBPUSD (opzioni) che ha raggiunto il 29,4% - il livello più alto da marzo 2020 - e questo non sorprende visto che la scorsa settimana abbiamo assistito a un intervallo alto-basso di quasi 900 pip - il più grande intervallo di trading dal 27 marzo 2020. La volatilità prevista si è attenuata grazie alla ripresa temporanea delle misure di acquisto di obbligazioni a lunga scadenza da parte della BoE e all'umiliante inversione di rotta sui piani di abolizione dell'aliquota fiscale del 45%, mentre il forte rally dell'azionario globale sta offrendo un vantaggio alla coppia GBPUSD.

L'inversione di rotta - ma c'è dell'altro?

Il congresso del partito Tory è attualmente in corso e durerà fino a mercoledì, e finora l'atmosfera è stata incredibilmente negativa - tutta l'attenzione si è concentrata sul cancelliere Kwarteng che è stato costretto a fare marcia indietro sul suo impopolare piano di tassazione del reddito massimo. Il mercato comprende che questa azione doveva quasi accadere per evitare una completa implosione del partito Tory, e al margine toglie un po' di pressione a Truss e alla BoE - dove vediamo che il mercato dei tassi del Regno Unito sta valutando 30 pb di rialzo per fissare il tasso bancario della BoE al 5,59% per la riunione del maggio 2023. Questo è il punto in cui il mercato vede il prezzo più alto (o "terminale") del tasso bancario della BoE in futuro. 

La domanda che gli operatori si pongono è se questa mossa rappresenti un segnale di inversione completa di tutte le misure annunciate nel "mini budget" della scorsa settimana. Da sola, l'inversione di rotta sul piano di tassazione delle fasce più alte non rappresenta una svolta per la sterlina, in quanto rappresenta solo il 4,5% del costo previsto di 45 miliardi di sterline, per il quale il governo dovrà rivolgersi ai mercati dei capitali per ottenere prestiti.

Tuttavia, se l'inversione di rotta è davvero un precursore di un completo disimpegno dello stimolo fiscale, allora questo è un vero e proprio vantaggio per la sterlina, in quanto ridurrebbe le aspettative di un aumento del fabbisogno di finanziamento del governo nei prossimi due anni e quindi di un aumento dei costi di indebitamento - è interessante notare che almeno due ministri del governo affermano che il "progetto Truss è finito" perché non è riuscita a coinvolgerli negli obiettivi politici chiave.

Sebbene GBPUSD abbia già recuperato facilmente il livello di 1,1274 a cui era scambiato prima del mini-bilancio, sembra che se dovessimo sentire l'annuncio di un'inversione completa delle misure di bilancio, GBPUSD potrebbe superare 1,1400. Se e quando arriverà questo annuncio è una considerazione importante, ma potrebbe essere necessario assistere a una nuova vendita di obbligazioni britanniche (gilts) e a un ulteriore ribasso della sterlina per esercitare una pressione sufficiente sul governo Truss a intraprendere questa azione piuttosto radicale.

E se le attuali misure fiscali dovessero passare al vaglio dei Comuni?

Dovremmo considerare lo scenario in cui le restanti misure fiscali vengono approvate quando si vota alla ripresa del Parlamento l'11 ottobre - questo è lo scenario in cui potremmo arrivare a livelli che interessano gli short sulla sterlina, certamente contro i cross. Il fatto che molti short sulla sterlina siano stati eliminati ha portato a una posizione molto più pulita. Sappiamo anche che il programma di acquisto di obbligazioni a lunga scadenza della BoE terminerà il 14 ottobre - è stato annunciato la scorsa settimana per salvare il settore pensionistico britannico e ha funzionato bene facendo scendere i rendimenti dei gilt a lunga scadenza e promuovendo una massiccia copertura degli short in GBP - ma finirà presto, e allora?

C'è anche la concreta possibilità che Moody's o S&P declassino il rating sovrano del Regno Unito, il che sarebbe un vero imbarazzo per il governo Truss. Il risultato della revisione è previsto per il 21 ottobre, anche se queste agenzie potrebbero aspettare fino al 23 novembre, quando il cancelliere Kwarteng presenterà il suo bilancio e l'Office for Budget Responsibility (OBR) offrirà le sue previsioni per l'anno fiscale. 

Rischio di prezzo nella sterlina

In un contesto di tale incertezza, la determinazione del prezzo del rischio della sterlina rappresenta una sfida e impone un regime di volatilità più elevato. Tra il 19 e il 21 ottobre sono previsti alcuni dati d'impatto (IPC del Regno Unito, dati sulle abitazioni e vendite al dettaglio) che potrebbero influenzare i prezzi dei tassi d'interesse britannici per la riunione della BoE del 3 novembre, in cui sono previsti rialzi di 120 pb, e questo potrebbe aumentare la volatilità della sterlina. 

Per il momento, tuttavia, i trader sulla sterlina stanno posizionando le esposizioni in base alle aspettative sull'approvazione del programma fiscale e sull'offerta di emissioni obbligazionarie - stanno osservando i mercati azionari e se l'S&P500 sale, il cable potrebbe guardare a 1,1400+. 

Lo shorting sulla sterlina è difficile in questo momento, ma la preferenza è quella di vendere la debolezza e seguire il flusso e il momentum - una rottura al di sotto di 1,1086 non è così lontana come sembra e ciò incoraggerebbe nuovamente gli short sulla sterlina. 

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.