I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

US500NAS100Indices

US500 e NAS100 toccano di nuovo i massimi storici

Dilin Wu
Research Strategist
23 gen 2024
Dopo un periodo di consolidamento laterale e di monitoraggio di una fascia di 4800-4660, venerdì l'US500 è finalmente uscito da questa fascia di trading, superando i record intraday e di chiusura stabiliti dal gennaio 2022 e raggiungendo un nuovo massimo storico. Questo slancio verso l'alto è proseguito anche questa settimana, con l'indice che ha toccato quota 4870.

Il breakout porta il rally dai minimi di ottobre al 18% e, con questo nuovo picco, il momentum suggerisce una maggiore probabilità che l'indice stia entrando in un nuovo mercato tecnico rialzista.

Preview

Il NAS100 ha inoltre chiuso venerdì scorso al di sopra di 17300, con un incremento del 2%, stabilendo un nuovo record per l'indice.

I "Magnifici Sette" e l'AI stanno contribuendo

Questa impennata dei prezzi è stata guidata principalmente dai "Magnifici sette" titoli tecnologici. Questi sette giganti hanno registrato un aumento medio del 75% nel 2023, rappresentando il 30% della capitalizzazione di mercato totale dell'US500 e il 50% del NAS100 alla fine dello scorso anno.

Nel 2024, il mercato continua a speculare sulle stesse forze che hanno spinto al rialzo i titoli statunitensi lo scorso anno, sostenuti dalla fiducia nel continuo boom dell'intelligenza artificiale e dalle misure di riduzione dei costi adottate da queste aziende. In particolare, il prezzo delle azioni di Nvidia è salito di oltre il 20% dall'inizio dell'anno, mentre AMD, nonostante la leggera ritirata di ieri, ha registrato un impressionante aumento del 14% dall'inizio dell'anno. La scorsa settimana, il CEO di Meta, Zuckerberg, ha anche annunciato obiettivi ambiziosi per avventurarsi in modo aggressivo nell'IA, tra cui il possesso di 350.000 schede Nvidia H100 entro la fine dell'anno, rendendo indubbiamente i titoli tecnologici e il tema dell'IA gli "eroi" dietro questo record storico di aggiornamento.

Su o giù: Quale sarà la prossima mossa?

In presenza di nuovi massimi storici, la domanda più importante è se l'US500 e il NAS100 possano continuare a registrare performance stellari o se sia giunto il momento di prendere profitto.

In primo luogo, occorre fare attenzione ai rischi di un'eccessiva concentrazione dei rendimenti e di una sopravvalutazione. Sebbene la valutazione sia da tempo poco importante, vale la pena di considerare che l'US500 fa trading con un rapporto P/E di 20x, ma se si escludono i "Magnifici Sette", la valutazione scende a circa 16. In sostanza, sono le big tech a guidare la sopravvalutazione, ma gli investitori sono felici di pagare per la qualità dei loro flussi di cassa.

Poiché questi giganti tecnologici hanno contribuito per oltre il 60% al guadagno dell'anno scorso, qualsiasi movimento potrebbe avere un impatto significativo sul mercato azionario statunitense.

Inoltre, la possibilità che l'economia statunitense riesca a raggiungere l'"atterraggio morbido" ampiamente previsto dal mercato è un altro fattore chiave per la continua ascesa di questi indici.

I dati economici statunitensi della scorsa settimana sono stati generalmente migliori del previsto, in particolare le vendite al dettaglio degli Stati Uniti (dicembre) hanno mostrato una significativa deviazione verso l'alto e anche le richieste iniziali e continue di disoccupazione sono diminuite.

Dopo l'ultimo rialzo dei tassi da parte della Fed, si sono manifestati segni di raffreddamento nei dati sul lavoro e sull'inflazione, ma la crescita rimane robusta. Inoltre, l'indice del sentimento dei consumatori del Michigan, pubblicato venerdì, ha raggiunto i massimi da luglio 2021, indicando un sentimento di mercato positivo.

Ritengo che l'attuale assetto sia favorevole a un atterraggio morbido, ma il mercato sta ampiamente scontando questo scenario. Si nota anche che il mercato abbia ridimensionato alcune delle aspettative di taglio, valutando al 45% un taglio dei tassi di 25 punti base da parte della Fed a marzo. Il taglio dei tassi in uno scenario di atterraggio morbido è lo scenario del nirvana e dovrebbe mantenere il sostegno alle azioni sui ribassi.

Per quanto riguarda la previsione di un taglio dei tassi da parte della Fed, vale la pena di notare i dati sull'inflazione PCE degli Stati Uniti che verranno pubblicati venerdì. Secondo le previsioni mediane, la crescita generale del PCE trimestre su trimestre dovrebbe essere dello 0,2%, mentre l'aumento su base annua dovrebbe rimanere al 2,6%. La crescita trimestrale e annuale del PCE core è prevista rispettivamente allo 0,2% e al 3%, mentre il valore precedente era del 3,2%. Se l'inflazione fosse più alta del previsto, potrebbe ritardare la tempistica del primo taglio dei tassi e il mantenimento di un periodo più lungo di politica di tassi elevati potrebbe avere un impatto sulla performance dei mercati del rischio, comprese le azioni statunitensi.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.