I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

Equities

Azioni in rialzo nel Paese del Sol Levante

Pepperstone
Market Analyst
10 gen 2024
Le azioni giapponesi hanno iniziato a catturare i titoli dei giornali e l'attenzione dei trader negli ultimi tempi, con il Nikkei 225 e il TOPIX che hanno raggiunto i livelli migliori dall'inizio degli anni Novanta, inducendo molti a chiedersi se ci saranno ulteriori rialzi, dopo un inizio impressionante del 2024.

Questo inizio ha visto il Nikkei inanellare una striscia vincente di 4 giorni al momento della stesura del presente documento, riprendendosi rapidamente da una prima sessione di trading traballante. Questa striscia ha visto il mercato rompere la resistenza di lunga data a 34.000, per fare trading al suo miglior livello in 34 anni.

Preview

Il Nikkei, tuttavia, sebbene faccia notizia, è piuttosto difettoso a causa della sua natura di indice ponderato per i prezzi, lo stesso problema che affligge anche il Dow. Pertanto, come parametro di riferimento per la performance delle azioni giapponesi, il più ampio indice TOPIX è un barometro molto migliore, anche se utilizza un metodo di ponderazione del flottante un po' difettoso.

Ciononostante, il TOPIX ha mostrato una performance ancora più forte del Nikkei negli ultimi tempi, con un rialzo di 6 sessioni consecutive, la migliore performance dell'indice dallo scorso settembre.

Preview

Visto il modo impressionante in cui le azioni giapponesi hanno iniziato l'anno, molti si chiedono se questa forte performance possa continuare. Il bilancio dei rischi, in questa fase, punta a ulteriori guadagni nel medio termine, anche se non si possono escludere flessioni a breve termine (che probabilmente si riveleranno opportunità di acquisto) se lo slancio al rialzo dovesse diventare un po' eccessivo.

Chiaramente, come mostra il grafico qui sopra, la base tecnica per ulteriori guadagni è forte, con entrambi gli indici di riferimento che hanno ora effettuato rotture nette e conclusive della resistenza che ha tenuto banco per gran parte degli ultimi 6-9 mesi.

Inoltre, il caso fondamentale rialzista del Giappone sembra promettente, soprattutto se si considerano le riforme aziendali in corso nel Paese. A partire dall'anno scorso, la Borsa di Tokyo (TSE) ha finalmente deciso di dare il via alle necessarie riforme, minacciando le aziende con un rapporto prezzo/valore contabile (P/B) inferiore a uno con la prospettiva di essere cancellate dal listino se non fossero in grado di migliorare la redditività o di spiegare quello che potrebbe ragionevolmente essere considerato un uso incredibilmente inefficiente del capitale.

Queste riforme hanno imposto alle aziende giapponesi un ripensamento significativo sul modo in cui vengono considerati gli azionisti, riducendo la resistenza di lunga data a quelle che erano state richieste quasi assordanti di maggiore redditività. Oltre a migliorare probabilmente la redditività, le riforme hanno anche già portato a un'impennata dei riacquisti di azioni, che nell'ultimo anno fiscale hanno raggiunto il livello più alto in quasi due decenni, sollevando anche la prospettiva di un aumento del capitale restituito agli azionisti sotto forma di dividendi più alti.

Preview

L'impatto di queste riforme dovrebbe continuare a farsi sentire nel corso del prossimo anno, mentre è sempre più probabile che il mercato giapponese attragga afflussi da parte di investitori internazionali alla ricerca di un'esposizione all'Asia, mentre molti sono ancora restii ad assumere un'esposizione alla Cina, a causa delle annose preoccupazioni in materia di governance, oltre che per le prospettive economiche ancora negative del Paese e per le prospettive apparentemente remote di qualsiasi tipo di stimolo fiscale "shock and awe" all'orizzonte.

Pertanto, una posizione lunga Giappone/corta Cina o lunga Giappone/corta Hong Kong potrebbe continuare a dare i suoi frutti nei prossimi mesi, dato che tali posizioni sono state quasi interamente a senso unico fin dai primi giorni della pandemia nel 1° trimestre 2020 e hanno acquisito ulteriore slancio negli ultimi tempi.

Preview

Ci sono tuttavia un paio di rischi che è importante notare, e le prospettive per le azioni giapponesi non saranno probabilmente del tutto tranquille.

In primo luogo, e in riferimento agli spread trades di cui sopra, una visione rialzista della Cina è diventata l'opinione comune per l'anno a venire. Sebbene l'economia rimanga debole, con il settore immobiliare ancora in forte difficoltà, il mercato è considerato "a buon mercato" in base a molte misure, e quindi è visto come un'offerta di valore da molti. Naturalmente, un mercato "a buon mercato" può diventare significativamente più economico, e le basse valutazioni non sono una garanzia di ripresa - basta chiedere a chiunque abbia osservato da vicino il mercato londinese nell'ultimo decennio o giù di lì.

In secondo luogo, e più specificamente per le azioni giapponesi, c'è la questione dello JPY. Da sempre esiste una stretta correlazione inversa tra il valore dello yen e il livello del Nikkei, dovuta in gran parte ai profitti degli esportatori che beneficiano di un deprezzamento della valuta.

Preview

Si tratta di una correlazione importante da tenere presente, dato che nei prossimi 12 mesi la Bank of Japan (BoJ) dovrebbe concludere formalmente anni di controllo della curva dei rendimenti (YCC) e porre fine all'era dei tassi negativi attraverso almeno un rialzo dei tassi di 10 pb, una mossa che, se realizzata, sarebbe il primo rialzo di questo tipo in quasi due decenni.

Se ciò dovesse verificarsi, come sembra probabile, la BoJ si troverà probabilmente ad essere un restrittivo tra le banche centrali del G10, che probabilmente intraprenderanno tutte un ciclo di allentamento, probabilmente a partire dal secondo trimestre, mentre l'inflazione continua a tornare verso gli obiettivi del 2% fissati dai responsabili politici. Una tale situazione per la BoJ comporterebbe probabilmente un inasprimento dei differenziali di rendimento tra Giappone e RdM e quindi una pressione al rialzo sulla valuta, ponendo potenzialmente un forte vento contrario per le azioni.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.