I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

Forex

Trader Macro: Fattori Che Possono Risvegliare il Mercato FX

Michael Brown
Senior Research Strategist
26 feb 2024
Il mercato FX è stato piuttosto tranquillo, per non dire altro, ultimamente. In questa nota esploriamo il motivo di ciò e cosa - se c'è qualcosa - potrebbe far risorgere la volatilità nelle settimane e nei mesi a venire.

Il meraviglioso mondo del G10 FX è stato il mio "pane quotidiano" fin dal primo giorno nella City. È stato quindi con grande divertimento che ho letto la lettera annuale agli azionisti di Warren Buffett nel fine settimana, in cui l '"Oracolo di Omaha" ha notato "Né Greg [Abel] né io crediamo di poter prevedere i prezzi di mercato delle principali valute. Non crediamo nemmeno di poter assumere qualcuno con questa capacità". In breve, il signor Buffett ha centrato in pieno.

La previsione valutaria non è mai stata un business particolarmente facile, su qualsiasi orizzonte temporale. Sì, nel lungo termine, fattori come la valutazione rispetto a NEER e REER, così come i deficit commerciali e del conto corrente, possono, e lo fanno, giocare un ruolo significativo. Tuttavia, essi sono di scarsa utilità nel breve e medio termine dove, data la natura relativa del mercato FX, i partecipanti sono tipicamente concentrati esclusivamente sulle divergenze - che sia nel rendimento, nell'inflazione o nella crescita - tra le economie, e quindi la valuta in questione.

In ogni caso, al momento, la previsione valutaria sembra più difficile del solito. Non perché tali divergenze non esistano - lo fanno! - ma perché le divergenze in questione sembrano tutte essere state ben scontate. Questo, quindi, porta alle condizioni di trading pesanti, tranquille e francamente noiose che abbiamo visto di recente su tutto il G10; range stretti, movimenti poco entusiasmanti e generalmente bassi livelli di volatilità.

Preview

Naturalmente, ciò pone la domanda su cosa si dovrebbe guardare nelle settimane e nei mesi a venire, nonché su cosa, se qualcosa, potrebbe scuotere il mercato dal suo attuale torpore.

Il NZD viene in mente per affrontare la parte delle 'settimane' di quella domanda, con un incontro live-ish della RBNZ in programma nelle prime ore del mercoledì mattina (ora del Regno Unito). Mentre una manciata di banche locali e 2 dei 21 economisti del sondaggio Bloomberg si aspettano un aumento di 25 bp, la maggior parte vede l'OCR rimanere invariato al 5,5%. NZD OIS vede circa una probabilità del 3-in-10 di un aumento all'incontro di febbraio, mentre il prezzo di circa 15 bp di ulteriore restrizione in questo ciclo - l'unico importante banca centrale, escluso il Giappone, dove sono previsti ulteriori aumenti.

Personalmente, non vedo molte ragioni per la RBNZ di stringere ulteriormente, poiché la disinflazione continua, le aspettative d'inflazione tornano verso il target band della RBNZ e, preoccupantemente, le spese dei consumatori mostrano segni di significativo rallentamento. Mentre il mercato del lavoro rimane più stretto di quanto vorrebbero i decisori politici e le pressioni salariali sono intense, sembrerebbe più prudente mantenere semplicemente il livello attuale di restrizione, piuttosto che aumentare ulteriormente, solo per finire probabilmente tagliando in modo più aggressivo di quanto sarebbe altrimenti richiesto nel Q3/4 24.

In ogni caso, per il NZD, un aumento della RBNZ questa settimana probabilmente vedrebbe il Kiwi tornare verso i massimi del ciclo intorno alla cifra di 0,64, mentre il mancato rispetto delle aspettative (relativamente) falconiche dovrebbe far prevalere il ribasso e il NZD dovrebbe cedere una parte significativa dei recenti guadagni, tornando al di sotto della media mobile a 50 giorni.

Preview

Comunque, con la parte delle 'settimane' di quella domanda precedente ora risolta, possiamo rivolgerci alla parte dei 'mesi', dato che un piccolo potenziale di volatilità nella NZD questa settimana è improbabile che soddisfi i desideri della maggior parte per un aumento più sostenuto nel vol FX.

Naturalmente, ci si rivolge ancora una volta alla politica monetaria per rispondere a questa domanda. Anche se il prossimo movimento nei tassi per tutte le banche centrali G10, oltre alla BoJ, è quasi certo che sarà un taglio, segnando probabilmente l'inizio di un ciclo di facilitazione, ci saranno delle divergenze significative nel momento di tale taglio e nell'entità della normalizzazione della politica che sarà successivamente attuata. Uso "normalizzazione", incidentalmente, piuttosto che 'abbassamento', poiché i tassi sono probabilmente destinati a tornare a un livello più neutro, con una politica non destinata a diventare apertamente 'facile' a meno di un incidente finanziario.

In ogni caso, mentre il senso generale del viaggio che prenderà la politica dovrebbe continuare a sostenere il contesto del rischio e proteggere le azioni globali da scosse significative, i diversi percorsi intrapresi dai decisori politici G10 potrebbero, alla fine, dare vita all'arena FX.

Per quanto riguarda chi taglia per primo, la BCE e la SNB sembrano essere in vantaggio in questa fase - entrambi alle prese con un progresso disinflazionistico più rapido del previsto, con quest'ultima che attualmente vede l'IPC nei bassi 1%, mentre la prima continua a combattere una crescita economica anemica e rischi al ribasso in aumento.

Mentre un taglio della BCE ad aprile, come sembra più probabile in questo momento, e porrebbe un ostacolo per la valuta comune poiché i mercati si muovono sempre più verso la quotazione di tale riduzione, tagliare 'lentamente e presto' potrebbe non essere del tutto una brutta notizia. C'è un argomento che un taglio così precoce potrebbe in realtà costituire le basi di un caso rialzista per l'EUR nell'H2 24, se tali tagli fossero in grado di porre un freno all'economia malata del blocco, anche se l'EUR dovrà probabilmente sopportare qualche dolore a breve termine, prima di quel potenziale guadagno a lungo termine.

Preview

Non è solo l'EUR che suscita interesse. Anche la GBP merita una certa considerazione, in particolare con la curva SONIA che non prevede pienamente il primo taglio del BoE del 25 bp fino alla riunione MPC di agosto.

Un paio di settimane fa, avrei sostenuto che questa posizione "più alta per più a lungo" che sta assumendo la MPC, unita al pivot ben più prolungato e doloroso verso una politica accomodante che la vecchia signora sta adottando rispetto ai pari, avrebbe sostenuto il rialzo della GBP, o perlomeno avrebbe posto un limite al ribasso della sterlina nel breve termine.

Tuttavia, il discorso proveniente dalla Banca ha iniziato a cambiare, con il Governatore Bailey che ha osservato che - in linea con il punto di vista del FOMC - l'inflazione non deve necessariamente raggiungere il target del 2% prima che vengano effettuati tagli, è sufficiente che vi sia un "progresso costante" verso tale obiettivo di prezzo. Questo, quindi, rimuove ciò che avrebbe potuto essere un impulso rialzista per la GBP, e argomenta che i prezzi attuali di mercato sembrano un po' troppo falchi, il che dovrebbe mantenere il cable all'interno di un intervallo tra 1,26 e 1,28 per il momento.

Preview

Tutto, dunque, nel mondo del FX, dipende da quando la Fed darà il via al proprio ciclo di tagli dei tassi, e di conseguenza anche globale.

Non sembra esserci ragione, secondo me, di essere pessimisti sul dollaro prima che ciò avvenga, in particolare mentre i mercati continuano a rivalutare con attenzione le prospettive di politica monetaria, e con il 'dot plot' della Fed di marzo che probabilmente indicherà solo 75bp di tagli quest'anno, circa 15bp in più rispetto a quanto attualmente prezzato dai mercati, il che dovrebbe continuare a vedere i Treasury vendere, naturalmente guidati dalla parte anteriore della curva (a sua volta un ostacolo per il JPY, che resta un trade di tassi proxy).

È ora solo la prospettiva di politica monetaria che rimane favorevole al dollaro, tuttavia, con la visione 'compra dollari, indossa diamanti' che ha molte altre basi solide a sostegno.

Tra queste, il continuo contesto economico 'goldilocks', composto da una disinflazione impeccabile, seppur accidentata, con la maggior parte delle misure in buona via per tornare al 2% (in particolare se si annualizzano i dati mensili), oltre alla continua resilienza economica, con il mercato del lavoro che rimane stretto e la spesa relativamente resiliente, tutto ciò mette gli Stati Uniti sulla strada per un 'atterraggio morbido'. Naturalmente, questo non è solo un contesto impressionante di per sé, ma lo è particolarmente se confrontato con le ben documentate difficoltà che si stanno vedendo in altri DM.

Come se tutto ciò non fosse abbastanza motivo per essere ottimisti sul dollaro nel medio termine, bisogna anche considerare l'altro lato del 'sorriso del dollaro', con la persistente domanda di rifugio a seguito di rischi geopolitici latenti in Ucraina, Medio Oriente e altrove, che probabilmente fornirà supporto. Le elezioni di novembre, anche se probabilmente non ancora un tema negoziabile, sono anche degne di essere tenute d'occhio, in particolare con una vittoria di Trump e le successive imposizioni tariffarie, che probabilmente saranno un altro catalizzatore bullish.

Infine, bisogna considerare lo spazio azionario, con i principali indici di Wall Street che continuano a registrare massimi storici quasi ogni giorno, con l'ultimo balzo del rally del rischio spinto dalla performance dei conti di NVDA della scorsa settimana.

Preview

Mentre il rally del rischio si è diffuso altrove - il Nikkei 225 del Giappone e lo Stoxx 600 pan-europeo hanno entrambi registrato nuovi massimi - è un movimento che continua ad essere guidato, in larga misura, dai produttori di chip e dal settore tecnologico in generale. Di conseguenza, il mercato statunitense dovrebbe continuare a superare i pari globali, probabilmente scatenando significativi ulteriori afflussi di capitali e fornendo l'ultimo pezzo del puzzle per sostenere ulteriormente il caso rialzista per il dollaro.

Il materiale qui fornito non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e pertanto è considerato una comunicazione di marketing. Anche se non è soggetto a divieti di trattativa prima della diffusione della ricerca sugli investimenti, non cercheremo di trarne vantaggio prima di fornirlo ai nostri clienti.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e pertanto non dovrebbe essere considerato tale. Le informazioni, sia da terze parti o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto finanziario o strumento, o per partecipare a una particolare strategia di trading. Non tiene conto della situazione finanziaria o degli obiettivi di investimento dei lettori. Consigliamo a tutti i lettori di questo contenuto di cercare il proprio parere. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.