I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

USD

Anteprima del rapporto sul lavoro USA di gennaio 2024

Michael Brown
Analista di mercato
30 gen 2024
Una settimana ricca di eventi per i mercati finanziari si conclude con il primo rapporto sul mercato del lavoro statunitense dell'anno, con l'aspettativa di un modesto rallentamento del ritmo di creazione di posti di lavoro all'inizio del 2024, che si aggiunge alle prove che indicano che l'economia ha raggiunto un "atterraggio morbido" e che apre la possibilità di tagli da parte della Fed nel corso dell'anno.

Le buste paga non agricole principali sono viste in aumento di +180k a gennaio, un po' al di sotto del ritmo di +216k registrato a dicembre, ma un po' al di sopra della media trimestrale degli aumenti dei posti di lavoro, che attualmente si attesta a +165k, il livello più basso dall'inizio del 2021.

Preview

La recente forma indica che i rischi per il dato di consenso sono inclinati verso l'alto, con la crescita dei salari principali che ha battuto le aspettative in quattro delle ultime cinque occasioni; naturalmente, deve essere applicata il solito avvertimento che i risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri.

Anche gli indicatori anticipatori rafforzano l'idea che i rischi siano al rialzo: le richieste iniziali di disoccupazione sono scese ai minimi degli ultimi due anni nella settimana di rilevazione, mentre le richieste continue di disoccupazione sono rimaste appena a cavallo di 1,8 milioni nella stessa settimana, con un calo di circa 500k rispetto al periodo di rilevazione di dicembre.

Preview

A causa della tempistica del rapporto sui posti di lavoro di questo mese, altri indicatori anticipatori devono ancora essere rilasciati. L'ultimo sondaggio ISM sul settore manifatturiero è previsto per giovedì, mentre l'analogo rapporto sui servizi sarà pubblicato solo dopo la pubblicazione del numero di posti di lavoro. Come sempre, il dato sull'occupazione ADP può essere tranquillamente ignorato, dato che continua a dimostrare una correlazione negativa con il dato principale sui salari.

Tuttavia, ci sono un paio di altre cose che vale la pena tenere a mente con il dato NFP. In primo luogo, durante la settimana di rilevazione di gennaio, gli Stati Uniti hanno subito un'ondata di freddo record, con tempo invernale e forti nevicate in gran parte del Paese, con temperature che sono scese fino a -45 °C. È probabile che questo abbia avuto un impatto negativo, al margine, sulla crescita delle buste paga, se il tempo ha impedito ad alcuni di lavorare, e che abbia anche ulteriormente intaccato i tassi di risposta al sondaggio, già in calo.

L'altro aspetto degno di nota del rapporto sull'occupazione di gennaio sarà la revisione dei parametri annuali. Si tratta di una pratica abituale per il BLS e, anche se è improbabile che possa influenzare il mercato, fornirà ulteriore chiarezza sulla "vera" portata della creazione di posti di lavoro nel 2023, anche se la revisione media annuale è in genere entro lo 0,1% della cifra precedentemente dichiarata. A proposito di revisioni, tuttavia, la revisione annuale dell'IPC di venerdì prossimo sarà probabilmente molto più importante per i mercati e per la FOMC.

Come sempre, i mercati non guarderanno con attenzione solo al dato principale sui salari, ma anche ai vari indicatori del rallentamento del mercato del lavoro. La disoccupazione dovrebbe essere aumentata di 0,1 punti percentuali, raggiungendo il 3,8% a gennaio; pur rappresentando un massimo di tre mesi, tale dato lascerebbe il tasso U-3 a livelli che, in linea di massima, implicano un'economia in "piena occupazione".

Preview

Un simile aumento della disoccupazione dovrebbe essere relativamente poco preoccupante se considerato insieme al tasso di partecipazione. Il consenso vede la partecipazione della forza lavoro in ripresa al 62,6%, recuperando un po' dal crollo registrato durante le festività, che ha rappresentato il più grande calo in un mese dall'apice della pandemia. L'aumento della partecipazione implicherebbe che un tasso di disoccupazione più elevato sia determinato dal ritorno alla forza lavoro per cercare un impiego, piuttosto che da un aumento dei lavoratori licenziati - quindi, forse controintuitivamente, questo sarebbe probabilmente visto come un fatto positivo nei circoli politici.

Anche i salari non dovrebbero preoccupare più di tanto la FOMC, visto che la retribuzione oraria media dovrebbe essere aumentata dello 0,3% al mese, un ritmo quasi invariato rispetto a quello registrato per gran parte degli ultimi 12 mesi. Tale ritmo mensile manterrebbe il tasso annuale invariato al 4,1%, rappresentando probabilmente un'accelerazione marginale del ritmo di crescita dei guadagni reali, con l'IPC principale che dovrebbe essersi ridotto un po' a gennaio, al momento della pubblicazione tra un paio di settimane.

Preview

In termini di reazione del mercato, molto dipenderà ovviamente dalle prospettive politiche delineate dal presidente della Fed Powell mercoledì, dopo la prima riunione dell'anno della FOMC.

Tuttavia, con il mercato attualmente posizionato in modo aggressivamente dovish, che continua a prezzare circa 140 pb di tagli entro la fine dell'anno, l'asticella per un ulteriore riprezzamento dovish su una sorpresa negativa dei salari sembra relativamente alta.

Preview

D'altro canto, una stampa dei dati sui salari superiore alle attese rafforzerà probabilmente, nella mente del mercato, la narrativa dell'eccezionalismo statunitense "goldilocks" che ha dominato l'inizio del 2024, con il dollaro che ha già registrato quattro rialzi settimanali consecutivi per iniziare l'anno, seguendo da vicino il sell-off visto lungo la curva dei Treasury. Affinché il biglietto verde continui ad avanzare è necessario un ulteriore rialzo dei rendimenti, probabilmente derivante da una reazione più aggressiva da parte della FOMC rispetto alla traiettoria dei tassi prevista dal mercato.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.