I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

FOMC

Ulteriori riflessioni su una FOMC flessibile

Michael Brown
Analista di mercato
1 feb 2024
Mentre il polverone continua a depositarsi sulla prima decisione politica dell'anno del FOMC, e prevalgono pensieri più calmi dopo le oscillazioni del mercato di mercoledì mentre parlava il presidente Powell, le azioni del Comitato e la conferenza stampa di Powell appaiono sempre più intriganti e, per dare credito a ciò che è dovuto, intelligenti.
In primo luogo, come i mercati si aspettavano, la svolta dovish iniziata a dicembre - con l'inclusione della parola "any" per inquadrare un potenziale ulteriore inasprimento della politica - è proseguita, in quanto il Comitato ha spostato le indicazioni per descrivere i futuri "aggiustamenti" dell'intervallo obiettivo per il tasso dei fed funds. Una mossa intelligente, che segnala ai mercati che la prossima mossa sarà probabilmente un taglio, ma non lo dice esplicitamente, lasciando al contempo aperta la porta a un nuovo inasprimento della politica, o almeno a un orientamento più restrittivo del linguaggio della Fed e a un allentamento ritardato, se dovessero emergere rischi di inflazione al rialzo.

Alla fine, durante la conferenza stampa, Powell ha ammesso che un taglio a marzo "non è l'ipotesi di base", anche se i mercati avevano assegnato una probabilità superiore alla metà che la Fed desse il via al ciclo di allentamento in quella riunione. Anche in questo caso, si tratta di una mossa intelligente, che spinge le aspettative sui tassi di mercato a mantenere le condizioni finanziarie rigide e a contenere l'inflazione, ma che offre la possibilità di tagliare in quella riunione se l'economia dovesse evolvere in modo meno favorevole di quanto attualmente previsto.

A questo proposito, Powell ha delineato alcune condizioni in base alle quali i tagli potrebbero arrivare prima di quanto previsto dallo scenario di base: "un inatteso indebolimento del mercato del lavoro" è una di queste, che pone maggiore enfasi del solito sui due rapporti sull'occupazione tra oggi e la FOMC di marzo, mentre le preoccupazioni sulla stabilità finanziaria saranno probabilmente un'altra. Ancora una volta, una politica intelligente, che dà ai mercati un indizio di ciò a cui il Comitato presterà maggiore attenzione nel campo dei rischi economici al ribasso.

Chiaramente, l'opzionalità della politica rimane il "nome del gioco" per la FOMC, come dimostrato anche dalle osservazioni di Powell sull'inflazione, che si è rifiutato di indicare il livello che l'inflazione deve raggiungere o il numero di mesi di dati disinflazionistici che il Comitato vuole vedere prima di tagliare i tassi. Anche in questo caso, si tratta di una politica intelligente, in base alla quale i responsabili politici - supponendo che la tendenza disinflazionistica ormai consolidata continui - possono ragionevolmente, in qualsiasi momento, affermare di disporre di dati sufficienti a confermare che l'inflazione si sta avviando in modo sostenibile "verso" il 2%.

Quel "verso" è importante, in quanto implica che i responsabili politici non stanno cercando una particolare misura di prezzo per scendere sotto la soglia del 2%. Al contrario, hanno solo bisogno di essere sicuri che l'inflazione si stia dirigendo lì e che vi rimarrà, anche se la politica verrà resa meno restrittiva attraverso i tagli dei tassi.

Tutto ciò porta a una serie di conclusioni:

  • Questa è una FOMC flessibile. È probabile che i responsabili delle politiche abbiano la possibilità di tagliare e iniziare il ciclo di allentamento in qualsiasi momento dei prossimi 12 mesi. Probabilmente inizierà quando, e solo quando, i responsabili politici saranno convinti che l'allentamento non vanificherà il duro lavoro svolto negli ultimi due anni di rialzi dei tassi, rischiando di provocare una recrudescenza delle pressioni sui prezzi. Powell & Co. non si lasceranno intimidire dai mercati finanziari, come ha dimostrato la reazione di ieri al taglio dei prezzi di marzo.
  • L'esperienza del 2021/22 è ancora fresca nella mente della Fed. I responsabili politici sono probabilmente segnati dall'aver liquidato le pressioni sui prezzi come "transitorie", per poi doversi imbarcare nel ciclo di inasprimento più rapido degli ultimi quarant'anni. Questo probabilmente porterà la FOMC a scegliere la strada della cautela, preferendo rimanere restrittivi a lungo, per poi allentare più rapidamente, piuttosto che allentare prima, e potenzialmente dover mettere in pausa - o addirittura invertire la rotta - un ciclo di tagli.
  • La FOMC dipende esclusivamente dai dati. Se l'inflazione si fa più rigida, i tagli saranno rinviati; se il mercato del lavoro si muove più rapidamente, i tagli saranno anticipati. I dati informeranno tutti sul probabile corso della politica, e la tendenza generale di tali dati sarà sostanzialmente più importante di uno o due singoli dati. La reazione del mercato alle sorprese dei dati negativi sarà particolarmente interessante, dato il condizionamento pavloviano a cui è stata sottoposta la maggior parte dei partecipanti, che si aspettano un taglio non appena un dato negativo attraversa i giornali. Come già detto, i responsabili politici saranno restii a reagire in modo eccessivo alle notizie negative, a meno che e fino a quando non diventeranno una tendenza.
  • Il mese di marzo può essere un nulla di fatto o un grande taglio. Sebbene manchino ancora circa 6 settimane alla prossima riunione della FOMC, è relativamente ovvio che essa porterà a tassi invariati, forse con un ulteriore cenno di allentamento nella riunione di maggio, oppure a un taglio significativo del tasso sui fed funds, a seguito di una drammatica (e inaspettata, in questo momento) debolezza del mercato del lavoro, di significative preoccupazioni per la stabilità finanziaria (ad esempio, banche regionali/CRE) o di un altro imprevisto evento "cigno nero". Se l'inflazione dei beni dovesse riaccelerare, mentre i prezzi dei servizi restassero inchiodati, lo stesso scenario potrebbe facilmente verificarsi alla riunione di maggio, anche se la strada da percorrere prima di allora è chiaramente molto lunga.

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.