I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75.5% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

2024Nonfarm PayrollsMarket Events

Il Playbook settimanale del trader: I libri paga degli Stati Uniti in primo piano

Chris Weston
Direttore della ricerca
2 gen 2024
Voltiamo pagina su un altro anno ricco di eventi sui mercati, in cui la liquidità delle banche centrali, la tenuta dell'economia statunitense e l'ingegneria della Fed che ha fissato i tassi reali di policy più alti dal dicembre 2007, consentendo una normalizzazione delle politiche, hanno favorito la creazione di rendimenti robusti per gli asset rischiosi.

Tasso di politica reale USA - tasso sui fed funds meno inflazione core PCE

Tasso di politica reale USA - tasso sui fed funds meno inflazione core PCE

Preview

Assisteremo a una maggiore volatilità dei mercati a causa del volgere al 2024?

Ovviamente, non conosciamo ancora la risposta, ma terrei d'occhio sia la scadenza del VIX (17 gennaio) sia quella dell'indice azionario S&P500 (19 gennaio) come date che potrebbero essere molto importanti: immagino che una volta superato quel periodo, potremmo assistere a una maggiore volatilità, in un momento in cui la liquidità è in aumento. Le posizioni corte, per coloro che lavorano al di fuori dei sistemi di day trading, potrebbero iniziare a funzionare in modo molto più efficace.

Naturalmente, l'azionario potrebbe continuare la sua allegra ascesa e dobbiamo essere aperti a tutte le possibilità. Ma con il sentiment dei gestori di fondi più ottimista dal gennaio 2022, la riduzione dei livelli di liquidità e molti altri segnali di ampia esuberanza, sembra che la distribuzione del rischio stia diventando più uniforme.

La Cina riceve maggiore attenzione dopo il discorso di Xi del fine settimana alla nazione, in cui ha promesso di affrontare la fragilità economica - questo sembra uno sviluppo significativo. Con le vendite di immobili in Cina in calo del 34% su base annua e una serie di PMI deludenti (pubblicati ieri), sembra che ci stiamo muovendo verso un regime più solido di cattive notizie che sono buone notizie per i mercati cinesi.

Preview

Sono i flussi degli investitori che contano, e lo vedremo anche nell'azione dei prezzi di mercato, ma dopo un calo dell'87% degli investimenti esteri netti nei fondi azionari cinesi continentali nel 2023, qualsiasi segnale che indichi che i gestori di denaro internazionali stanno prendendo in considerazione il rischio azionario cinese, in un momento di esuberanza dei mercati azionari statunitensi, mi porterà a considerare seriamente un'idea tattica e a cercare di dimensionare il trading. Un'idea tattica potrebbe essere quella di un'operazione long CN50 / short US500 o, per gli amanti degli ETF, long FXI / short SPY.

Come illustrato negli eventi chiave di gennaio, i trader di criptovalute attendono il verdetto della SEC sul tanto atteso ETF sul BTC. La reazione a un'eventuale bocciatura sarebbe netta e vedrebbe probabilmente un immediato picco al ribasso. Tuttavia, se dovessimo vedere il via libera, la domanda ovvia è se si verificherà uno scenario di acquisto delle voci e di vendita sui fatti o se si promuoverà un'altra fase di rialzo. La reazione rispetto alla previsione potrebbe essere la scelta giusta.

Buona fortuna a tutti e a un 2024 sano e prospero.

Gli eventi chiave per la settimana a venire

PMI manifatturiero cinese Caixin (2 gennaio 12:45 AEDT) – dopo la pubblicazione nel fine settimana dei PMI NBS (il dato composito è risultato inferiore al consenso a 49,0) in settimana vedremo i PMI Caixin (manifatturiero il 2 gennaio, servizi il 4 gennaio). La stima di consenso è per l'indice manifatturiero a 50,3 (da 50,7), ma a meno che non si tratti di un forte calo/miglioramento, non dovrebbe muovere troppo gli asset cinesi o i suoi proxy (AUD, NZD ecc.)

Il presidente della Fed di Richmond Barkin parla dell'economia statunitense (4 gennaio 00:30 AEDT) – Thomas Barkin è un elettore della Fed nel 2024 ed è restrittivo, quindi i suoi commenti sulle prospettive economiche degli Stati Uniti potrebbero avere un peso.

ISM manifatturiero USA (4 gennaio 02:00 AEDT) – il mercato vede un piccolo miglioramento con l'indice di diffusione previsto a 47,2 (da 46,7). È improbabile che si tratti di un market mover, dato che il settore manifatturiero è in contrazione dall'ottobre 2022, quindi potrebbe essere necessario uno shock per muovere il mercato.

US JOLTS jobs openings (4 gennaio 02:00 AEDT) – la stima mediana è di 8,86 milioni di posti di lavoro aperti, in calo rispetto agli 8,73 milioni del mese precedente.

FOMC minutes (4 gennaio 06:00 AEDT) – con il mercato dei tassi/swap statunitense che prevede un taglio dei tassi di 25 pb a marzo, i verbali della riunione di dicembre potrebbero rappresentare un evento di rischio per i mercati generali. Ricordiamo la significativa reazione dovish dopo la dichiarazione della riunione del FOMC di dicembre, i Dots e la conferenza stampa di Jay Powell, per cui i trader esploreranno ulteriori dettagli sulla propensione ad allentare il tasso dei fed funds. 

Aspettative del Decision Maker Panel (DMP) del Regno Unito sull'IPC a 1 anno  – La precedente previsione sull'inflazione era stata fissata al 4,4% e, alla luce del recente dato sull'IPC inferiore al consenso, potrebbe essere abbassata - la previsione sull'inflazione del DMP potrebbe influenzare la sterlina. Il GBPAUD è sul radar e una chiusura al di sotto di 1,8600 suggerirebbe una probabilità di continuazione del recente trend ribassista.

US ADP payrolls (5 gennaio 00:15 AEDT) – il mercato darà probabilmente maggiore importanza agli NFP di venerdì, ma un'eventuale sconfitta delle aspettative (attualmente a 115k posti di lavoro) potrebbe spostare il dollaro USA.

CPI UE (stima) (5 gennaio 21:00 AEDT) – il consenso è per un aumento dell'inflazione CPI principale dell'UE al 3% (dal 2,4%), mentre l'inflazione CPI di base è prevista al ribasso al 3,4% (3,6%). Con i mercati swap dell'UE che prevedono il 66% di possibilità di un taglio di 25 pb nella riunione della BCE di marzo, i dati sull'IPC potrebbero avere un impatto su tale valutazione e, di conseguenza, sull'euro. Un potenziale rialzo dell'inflazione complessiva, ma un CPI di fondo più basso, rende difficile prevedere una probabile reazione dell'euro. 

Nonfarm payrolls USA (6 gennaio 00:30 AEDT) – l'evento principale della settimana, il consenso è per 170k con un range di stime degli economisti tra 200k e 80k. La media a 3 mesi è di 203k posti di lavoro, quindi un dato a 170k (se la stima mediana è effettivamente corretta) porterebbe questa media a 173k. Inoltre, vediamo le aspettative per il tasso di disoccupazione al 3,8% (dal 3,7%), mentre la retribuzione oraria media dovrebbe scendere di un tick al 3,9%, ma questo è condizionato dal numero di ore lavorate. Considerando l'attuale quotazione degli swap statunitensi e il posizionamento del dollaro USA, ritengo che dovremmo assistere a un maggiore rally del dollaro USA in caso di rialzo, rispetto al potenziale sell-off del dollaro USA in caso di sorpresa al ribasso. Ma come sempre con i NFP non è mai semplice, in quanto potremmo assistere a una battuta sui posti di lavoro ma a un aumento del tasso di disoccupazione.

US Services ISM (6 gennaio 02:00 AEDT) – il mercato vede l'indice a 52,5 (da 52,7), quindi un piccolo peggioramento previsto da 52,5 è ancora salutare.

Altri eventi di rilievo per gennaio (date in AEDT):

JP Morgan dà il via alla stagione degli utili per il quarto trimestre degli Stati Uniti.

IPC USA - 12 gennaio

CPI del Regno Unito - 17 gennaio

Scadenza delle opzioni VIX - 17 gennaio

Scadenza opzioni su azioni, indici azionari ed ETF statunitensi - 19 gen.

Decisione sul primo tasso a 1 e 5 anni in Cina - 22 gennaio

Riunione della BoJ - 23 gennaio

Riunione della BoC - 24 gennaio

Riunione della BCE - 25 gennaio

Inflazione CPI trimestrale AUS - 31 gen.

Annuncio di rimborso trimestrale del Tesoro USA (QRA) - 31 gennaio

Riunione della FOMC - 1 febbraio

Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.