I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 72,2% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere il tuo denaro.

RBA: tassi fermi. Coronavirus e risk off.

Matteo Paganini
Matteo Paganini
Managing Director - Chief Analyst
Feb 4, 2020

RBA: tassi fermi

La Reserve Bank of Australia ha deciso di mantenere il costo del denaro al minimo storico dello 0.75%, dopo i tre tagli effettuati nel corso del 2019 che hanno portato il costo del denaro a dimezzarsi. Si stanno ancora valutando gli effetti e gli impatti di questi tagli e, dopo i dati sul mercato del lavoro, le attese per un ulteriore taglio del costo del denaro sono rientrate da circa una probabilità del 60% ad una del 10%. Bisognerà continuare a monitorare la situazione a causa anche del corona virus che sta portando ulteriore incertezza sui mercati, il che si riflette soprattutto sui movimenti di mercato che vedremo adesso.


Le reazioni dei mercati

Si stanno alternando fasi di risk on a fasi di risk off e iniziamo ad avere delle reazioni che tengono conto del corona virus più di quanto facessero quando hanno cominciato a circolare le notizie sull’epidemia. Gli indici di borsa hanno stornato, con l’indice cinese in calo di oltre il 10%, con movimenti di oro e yen che hanno ben seguito le fasi di correzione, mostrandoci la possibilità che, se dovessimo spostarci da fasi alterne di prove di risk off e di tentativi di ripartenza dovuti a fasi di risk on a fasi confermate di avversione al rischio, i mercati potrebbero essere pronti ad acquistare yen, franchi svizzeri ed oro in maniera importante.


Il dollaro americano

Il biglietto verde continua a faticare a trovare un’unidirezionalità nei confronti delle altre divise. Non ci troviamo infatti al cospetto di situazioni in grado di accendere un sentiment unilaterale nei confronti del greenback, le singole situazioni, tra le major, la fanno da padrone. Lo yen ed il franco svizzero si stanno muovendo in base all’appetito per il rischio. La sterlina sta vivendo dei flussi di vendita dopo l’ufficializzazione della brexit, in attesa di capire se mai si dovesse procedere con degli allentamenti monetari ed un ulteriore taglio di tassi. Il dollaro canadese sta riflettendo delle buone correlazioni con l’andamento del petrolio, che in serata ha superato a ribasso quota 50.00, mentre il dollaro australiano è rimasto finora sotto pressione a causa delle attese, come visto poi rientrate, per il taglio di tassi e per le questioni relative al virus, seguito a livello correlativo dal kiwi. Per quanto concerne infine l’euro, qui continuiamo a seguire la pubblicazione di dati macro, senza tuttavia grosse aspettative di ripresa o di peggioramento e, tantomeno, di attivismo da parte della Banca Centrale Europea, il che significa che verosimilmente i livelli di volatilità prospettici continueranno a rimanere tendenzialmente bassi.


Il petrolio

L’oro nero ha raggiunto e superato momentaneamente il livello di 50 durante la serata di ieri, confermando le forti vendite che hanno accompagnato il mese di gennaio. Non sussistono, come visto nelle scorse settimane, motivazioni macroeconomiche particolari e si tratta prettamente di movimenti tecnici. In caso di approfondimento sotto i minimi battuti ieri, non escludiamo la possibilità che si tentino delle estensioni verso l’area di 48.30 e bisognerà curare con grande attenzione la possibile formazione di una divergenza rialzista tra prezzi ed oscillatore stocastico su un time frame daily.

XTI/USD - grafico giornaliero
XTI/USD - grafico giornaliero
Pepperstone non dichiara che il materiale qui fornito sia accurato, attuale o completo e quindi esso non dovrebbe essere considerato come tale. Le informazioni qui fornite, da parte di terzi o meno, non devono essere considerate come una raccomandazione, un'offerta di acquisto o vendita, la sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto o strumento finanziario o la raccomandazione di partecipare a una particolare strategia di trading. Consigliamo a tutti i lettori di questi contenuti di informarsi in maniera indipendente. Senza l'approvazione di Pepperstone, la riproduzione o la ridistribuzione di queste informazioni non è consentita.