I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 76,5 % dei conti degli investitori retail registra perdite di denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare la tua comprensione di come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere denaro. Avviso di rischio.

Petrolio sotto pressione. Cosa fare?

Jan 22, 2020

Nuovi minimi relativi per il WTI

Il petrolio nella giornata di ieri ha rotto le aree di supporto (individuate all’interno del Pepperstone Trading Hub, dove trasmettiamo un aggiornamento sui mercati ogni mattina alle 9.00 – se non potete seguire le dirette potete iscrivervi per ricevere la registrazione della trasmissione) poste a 57.70, raggiungendo e superando quota 56 dollari al barile. I motivi di questa rottura sono esclusivamente tecnici e arrivano in un momento di distensione delle tensioni geopolitiche, con le borse mondiali sui nuovi massimi ed il mondo degli operatori che si sta preparando alla valutazione di dati macroeconomici per quanto concerne le maggiori economie, America in testa. Il meeting straordinario dell’OPEC, in programma il 5 e 6 marzo, a metà strada da un punto di vista temporale tra l’ultimo tenuto e quello ufficiale previsto per il 9 e 10 giugno, sarà l’appuntamento più importante da seguire per il primo trimestre del 2020 in quanto l’Arabia Saudita deciderà se mantenere in essere i tagli alla produzione, incrementati in totale di 500 mila barili al giorno cui si aggiungono 400 mila barili di taglio giornaliero su base volontaria proprio dall’Arabia, a partire dall’inizio di quest’anno. In questo modo, i tagli teorici alla produzione giornaliera sono passati dai precedenti 1.2 milioni di barili a 2.1 milioni di barili, a patto però che tutti i Paesi rispettino gli accordi presi e che “nessuno sgarri”. Ed è proprio questo che si valuterà nel meeting di marzo, che verosimilmente sancirà una buona direzionalità per la restante parte dell’anno. E’ verosimile anche attendersi dei movimenti pre-meeting, quando e qualora dovessero cominciare a circolare dei rumor e dei dati su quello che effettivamente sta accadendo a livello di produzione, ma per il momento, ribadiamo, le motivazioni del ribasso risultano prettamente tecniche.

Se ci concentriamo su un grafico giornaliero, come commentavamo anche ieri sulla CNBC, il mercato ha rotto una linea di tendenza che accompagnava i movimenti di rialzo cominciati a metà ottobre, ma soprattutto i supporti statici transitanti in area 57.30 (anticipabili su 57.70 come visto ieri insieme) ed ora troviamo le aree poste tra 55.00/55.30 e 53.70/54.00 come potenziali punti di attrazione per le quotazioni. In caso di prosieguo della discesa, occorre prestare attenzione alla formazione di una divergenza rialzista tra prezzi ed oscillatore stocastico che potrebbe condurre a delle importanti correzioni, ma fino a quando essa non si sarà formata, sempre che si formi, il mercato rimane tecnicamente impostato a ribasso (chiaramente, come in qualsiasi situazione di trading, bisogna prestare attenzione anche a giri improvvisi di direzionalità che in questo caso andrebbero protetti sopra area 57.70). In ultimo, su time frame orari, se i prezzi dovessero mostrare delle correzioni fino ad area 56.50/56.70, essa individuerebbe delle confluenze grafiche statiche e dinamiche (scambio di ruolo precedente e media a 21 esponenziale) dalle quali pensare a potenziali ripartenze verso i minimi battuti e delle potenziali estensioni verso le aree daily citate.

Le opinioni espresse sono quelle dell'analista, non di Pepperstone. Queste informazioni sono di natura generale, solo a scopo educativo e non tengono conto dei tuoi obiettivi personali, situazione finanziaria o necessità. Nessuna di queste informazioni deve essere interpretata come un'offerta, una raccomandazione o una richiesta di acquisto, vendita o partecipazione a una particolare strategia di trading o consulenza sugli investimenti. Non dichiariamo che qualsiasi informazione sia accurata, attuale o completa e non dovresti fare affidamento su di essa quando prendi le tue decisioni di trading o investimento.

La negoziazione di derivati ​​è rischiosa. Non è adatto a tutti e, se sei un cliente professionale, potresti perdere sostanzialmente più del tuo investimento iniziale. Non possiedi o non hai alcun diritto sulle attività sottostanti. Le performance passate non sono indicative delle performance future. Si prega di considerare i rischi connessi, richiedere una consulenza indipendente e leggere la documentazione legale pertinente (disponibile sul nostro sito Web www.pepperstone.com) prima di prendere una decisione di negoziazione o investimento.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 71,4% dei conti degli investitori al dettaglio di Pepperstone Limited perde denaro durante la negoziazione di CFD. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Pepperstone Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito (FRN 684312). Pepperstone Group Limited è autorizzata e regolamentata dalla Australian Securities and Investments Commission (AFSL 414530).