I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. La maggior parte dei conti di clienti retail perde denaro facendo trading con i CFD. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere denaro.

Continua la paura sui mercati

Matteo Paganini
Matteo Paganini
Managing Director - Chief Analyst
Feb 27, 2020

Il rischio pandemia porta avversione sui mercati

Continua la tensione sui mercati e cominciano a circolare analisi circa la possibile contrazione del Pil mondiale e dei Paesi che, già a rischio recessione, potrebbero effettivamente entrarvici. I listini azionari continuano le loro discese e, come abbiamo visto insieme, il fatto che UsdJpy stia scendendo mostra una conferma di questa fase di avversione al rischio. Gli indici americani mostrano delle discese di circa il 10% ed il sentiment generale, per il momento, non sta migliorando. A nostro parere le prese di profitto erano doverose ma i flussi di capitale avevano ed hanno ancora bisogno di ricercare dei rendimenti, che, come ripetuto più e più volte, attualmente sono difficilmente reperibili sul reddito fisso. La paura che gli indici azionari potessero continuare a salire per questo motivo, ha inizialmente portato gli investitori a proteggersi da un potenziale ribasso delle borse andando ad acquistare oro, per poi, a movimento iniziato, iniziare a chiudere posizioni lunghe sulle borse aprendo delle posizioni corte per cavalcare il momento, seguendo le seguenti due idee. La prima relativa alla possibilità di tornare ad acquistare a prezzi migliori, una volta terminata la fase di avversione al rischio, la seconda relativa al fatto che comunque, questa liquidità spostata dalle borse ad altri asset (in questo momento liquidità, soprattutto in yen e dollari americani, il primo è una valuta rifugio, il secondo offre comunque dei rendimenti positivi, per essere pronti ad assumere posizioni veloci ancora sui listini, se necessario).


Petrolio ancora sotto pressione

Il WTI continua la sua fase di discesa ed ha raggiunto area 48 dollari al barile, a un soffio dal target tecnico che abbiamo studiato in 47.70. Occorre prestare molta attenzione alla tenuta o meno di questo livello in quanto, su time frame lunghi, abbiamo rotto dei punti di minimo importanti che, in caso di superamento del livello citato, potrebbero aprire la strada verso area 46.70, se l’avversione al rischio dovesse continuare.


Valutario, volatilità abbastanza contenuta

Se guardiamo a quanto sta accadendo sul fronte borse e a livello di timori di rallentamento globale, il valutario si sta mantenendo su livelli di volatilità abbastanza ridotta. Le commodity currencies continuano a rimanere sotto pressione, con l’australiano che traina con sé il neozelandese mentre il canadese continua la propria discesa a causa delle correlazioni con il petrolio. Euro e sterlina tengono sostanzialmente bene e yen e franco svizzero continuano a mostrare lievi flussi di acquisto. La liquidità risulta ottima e questo sicuramente aiuta a contenere la volatilità, Stiamo però attenti a possibili inasprimenti dell’avversione al rischio. Se dovessero avvenire, crediamo che possano confermarsi delle decorrelazioni tra UsdJpy e UsdChf rispetto agli altri dollari americani, con i primi due venduti mentre con gli altri biglietti verdi acquistati in quanto occorre trovare delle remunerazioni dalla liquidità parcheggiata una volta uscita dalle borse.

Dow Jones – grafico 4 ore
Dow Jones – grafico 4 ore

© 2021 Pepperstone EU Limited
Company Number ΗΕ 398429 | Cyprus Securities and Exchange Commission Licence Number 388/20

Pepperstone Group Ltd è la holding di Pepperstone Ltd, registrata nel Regno Unito e regolamentata da FCA, e Pepperstone EU Ltd, registrata a Cipro e regolamentata da CySEC. Visitare www.pepperstonegroup.com per maggiori informazioni sulle nostre società. 

Pepperstone EU Ltd: Numero di società HE 398429, Cipro Securities and Exchange Commission, Numero di licenza: 388/20. Ufficio registrato: Arch. Makarios IIΙΙΙΙ, 195, Neocleous House, 3030, Limassol, Cipro. 

Avviso di rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. La maggior parte dei conti di clienti retail perde denaro facendo trading con i CFD. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere denaro. 

Il trading su derivati è rischioso. Non è adatto a tutti e, nel caso di clienti professionali, potrebbe condurre a perdite superiori rispetto all’investimento iniziale. Non possiedi o hai diritti sulle attività sottostanti. Le performance passate non sono indicative di performance future e le leggi fiscali sono soggette a modifiche. Le informazioni contenute in questo sito web sono di natura generale e non tengono conto degli obiettivi personali vostri o del vostro cliente, delle circostanze finanziarie o delle esigenze personali. Vi preghiamo di leggere i nostri documenti legali e di assicurarvi di comprendere appieno i rischi prima di prendere qualsiasi decisione di trading. Vi invitiamo a richiedere una consulenza indipendente. 

Pepperstone Limited è una società registrata in Inghilterra e Galles con il numero di società 08965105 ed è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority (numero di registrazione 684312). Sede legale: 70 Gracechurch Street, Londra EC3V 0HR, Regno Unito. 

Avviso di rischio: Lo spread betting ed i CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 79,8% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading con questo fornitore spread betting e di CFD. Dovresti considerare se comprendi come funzionano lo spread betting ed il trading sui CFD e se puoi permetterti di correre l'alto rischio di perdere denaro. 

Le informazioni contenute in questo sito non sono destinate ai residenti in Belgio o negli Stati Uniti, né all'uso da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese o giurisdizione in cui tale distribuzione o uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione locale.